Questo sito utilizza cookie tecnici. Sono inoltre installati cookie tecnici di terze parti. Cliccando sul pulsante Accetto oppure continuando la navigazione del sito, l'utente accetta l'utilizzo di tutti i cookie.
Per maggiori informazioni, anche in merito alla disattivazione, è possibile consultare l'informativa cookie completa.

Job.Scuola.Idee

raccolta di idee e strumenti per una DIDATTICA moderna

di Antonio Boscato

Dico una cosa ovvia: la comunicazione nel processo educativo è il perno è il fondamento di ogni trasmissione del sapere. Ovviamente, viene subito in mente la comunicazione tra insegnante e alunno. Eppure, intuitivamente, comprendiamo che altrettanto fondamentale è la comunicazione tra la scuola e la famiglia.

Leggi tutto: Comunicazione nel processo educativo


Possedere delle “competenze” vuol dire essere capaci di produrre in modo autonomo e utilizzare le informazioni in attività diverse. La “competenza” si forma partendo da una o più modificazioni del soggetto e le modificazioni avvengono attraverso attività ma, soprattutto, percorsi esperienziali. Quali competenze possono essere raggiunte attraverso lo studio del programma di storia medievale proposto per la prima media e come possono essere valutate?
Cosa misuravano gli insegnanti di storia nel (lontano?) passato? A un livello minimo era richiesto a tutti un esercizio di memorizzazione (fatti, nomi, date...); la materia così esercitata appariva particolarmente dominata dalla noia. Accanto a ciò si richiedeva la capacità di rispondere a domande sulle cause ed effetti di un determinato fatto (“perché…?”), circostanziando gli avvenimenti.

Leggi tutto: CONTRIBUTO SUL TEMA DELLA VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE

di Antonio Boscato

 La parola dialogo è molto usata e perfino abusata; oggi tutti “dialogano”: le civiltà devono dialogare, si sente la mancanza di dialogo tra le generazioni, le forze politiche sono sempre alla ricerca di un dialogo, religione e società civile non si confrontano più ma dialogano, grandi autori hanno titolato con la parola Dialogo/Dialoghi opere importanti... e potremmo continuare. Eppure, a ben guardare, quello che per molti è la Parola di Dio, e il testo scritto più importante per l'umanità, non appare, a una prima lettura, come un esempio di stile dialogico (“In verità, in verità vi dico…”), al contrario di quell'altra grande opera che fonda il pensiero occidentale: i Dialoghi di Platone.

Leggi tutto: DIALOGO,  Criticità della professione docente

 

di Antonio Boscato

 icopdf

 

La storia è
 testimonianza del passato,
luce di verità,
vita della memoria,
maestra di vita,
annunciatrice dei tempi antichi

Cicerone De Oratore, II,9

 

La domanda, in apparenza pare avere un significato soltanto provocatorio (che sottintende però problemi seri), sarebbe possibile rispondere negativamente dal momento che molta parte della scuola si fonda sulla storia?

Leggi tutto:È possibile insegnare (e imparare) la storia?


INNOVAZIONE NEL SECOLO DI INTERNET
di Antonio Boscato


Ci vorrebbero parecchie ore soltanto per una approfondita presentazione, qui cercheremo di
avviare alla conoscenza, fornendo alcune chiavi di lettura del fenomeno, aprendo a delle domande e
trovando qualche filo di Arianna per seguire un percorso.
Cercherò di essere breve, molto riassuntivo nella presentazione generale, toccando soltanto un
argomento che, per tutti gli aspetti cui è legato, richiederebbe non una conversazione, ma un ciclo di
lezioni e di conferenze. Però spero che nella discussione e nelle domande che vi prego di portarmi,
riusciremo a dare qualche risposta precisa e utile.

 

Scarica il file

 


È ovvio che più le trasformazioni in atto, come nel nostro tempo, sono rapide e tumultuose, più le istituzioni, in particolare quelle educative, si sentono messe in crisi dovendo affrontare richieste, bisogni nuovi che neppure emergono con chiarezza. Soprattutto il campo della valutazione dei processi scolastici è quello che più soffre dell’incertezza dell’oggetto e dell’inadeguatezza degli strumenti. La ri-scoperta, o la riflessione sull’esatto significato e ambito di riferimento delle parole che usiamo sono sempre ottimi punti di partenza per muoversi con una almeno minima sicurezza.

Leggi tutto: ITINERARI VALUTATIVI PER L'EDUCAZIONE STORICA

 

di Antonio Boscato

icopdf

Domanda in apparenza insolita, visto che la "storia", quella che indichiamo con questo termine, cioè la materia scolastica, a scuola c'è sempre stata, con un programma prefissato, determinate ore di lezione, manuale, obiettivi e finalità di apprendimento. Eppure, tale domanda ha una sua ragione.

Leggi tutto: La "Storia" appartiene ai nuovi saperi?

 

 

di Antonio Boscato

 

A tutti può capitare spesso il desiderio di esprimere francamente la propria visione su fatti, avvenimenti di vita, riflessioni che nascono nel confronto con le proprie esperienze e accompagnano nel cammino di una vita.

Talvolta questo si traduce nella voglia di scrivere con lo scopo di condividere domande, sentimenti ed emozioni con amici, non escludendo la ricerca di confronto con chi magari si fa altre domande e ha già trovato risposte diverse.

Questo scritto inizialmente era destinato a un gruppo ristretto. Pubblicare in questo sito una frazione del proprio mondo interiore è una scelta un po’ meno scontata, tuttavia è pur sempre un atto di coraggio. Far conoscere domande e tentativi di risposta, non sembra banale, né tantomeno inutile.

 

scarica da qui il volume in PDF

 

Valutazione ed educazione storica

di Antonio Boscato

icopdf

Partiamo dall’esperienza

Valutazione è la parola forse più usata nel linguaggio professionale, ma è allo stesso tempo un termine carico di incertezza e di ambiguità. Esemplifichiamo: due insegnanti della stessa materia in classi parallele valuteranno gli alunni allo stesso modo? Oppure due giudici posti di fronte allo stesso reato?

Accettiamo che ogni momento valutativo mira a “determinare il valore di cose o fatti di cui si debba tenere conto ai fini di un giudizio o di una decisione, di una classifica o graduatoria”, ora, per quanto riguarda il compito valutativo dell'insegnante lo riferisco a un piano generale che è fatto di corrispondenza oggettiva (possedere o non possedere determinate conoscenze) e di soggettività (le attese che io pongo in fatto di comprensione, approfondimento ecc. da parte di colui/coloro cui debbo assegnare una valutazione). La valutazione nel campo educativo, per il fatto che è soprattutto risposta a delle attese, è caratterizzata da una grande soggettività.

Leggi tutto: Valutazione ed educazione storica

SPONSOR

Tecnologie per la scuola

 

ADS-Google

ADS

 

prova ADS