Questo sito utilizza cookie tecnici. Sono inoltre installati cookie tecnici di terze parti. Cliccando sul pulsante Accetto oppure continuando la navigazione del sito, l'utente accetta l'utilizzo di tutti i cookie.
Per maggiori informazioni, anche in merito alla disattivazione, è possibile consultare l'informativa cookie completa.

Job.Scuola.Idee

raccolta di idee e strumenti per una DIDATTICA moderna

30 ore vi sembran poche? Dipende, possono essere anche troppe.

Antonio Boscato

 

file PDF

 

Da qualche tempo, almeno nella mia città, si va riorganizzando la giornata scolastica nelle scuole medie (30 ore) nell'arco di 5 giorni, ma dal momento che non tutte le scuole sono in grado di fornire il servizio mensa e relativa assistenza distribuendo l'orario al mattino e parzialmente anche al pomeriggio (come quando si progettava il famoso “tempo pieno”), avviene che la giornata scolastica si svolge senza interruzione nell'arco continuato di sei ore di lezione sia pure intervallate da più momenti di sosta.

 

Una volta che l'intera scuola media avrà virato verso questa scelta, i servizi comunali non avranno che approvare dal momento che essi, in tempi di riduzioni di spesa saranno alleggeriti al sabato del riscaldamento e del servizio trasporto. I genitori avranno a casa i figli per l'intero weekend, rendendo più facile per essi lo svolgimento di vari impegni.

Tuttavia questa situazione in divenire mi porta ad alcune riflessioni. Esse non discendono da esperienza direttamente impegnate in questo “nuovo” tipo di scuola, per cui sarei lieto se qualche insegnante coinvolto potesse esprimere qui la propria valutazione.

Nella scuola media, a differenza delle elementari, l'organizzazione della didattica è rigida, prevede l'alternarsi di più docenti ciascuno con una propria materia e un programma da svolgere. Ciascun insegnante assegna compiti, esercizi per casa, argomenti da approfondire...

L’alunno, nelll’esperienza che conosco, esce da scuola alle 14. Lo attende il pranzo e, si spera, un adeguato periodo di riposo, talvolta con la successiva serie di ulteriori impegni pomeridiani culturali, sportivi…

Ma l’indomani il nostro alunno dovrà affrontare altre 6 ore di lezioni con altre materie, incontrerà altri insegnanti che richiedono da parte loro impegno, attenzione, verifica dal lavoro fatto a casa.

E quindi: un ragazzino undici-quattordicenne ce la fa a reggere sei ore di lezione frontale continuata (se si eccettuano le ore di educazione fisica tutte sono sempre lezioni frontali!)?

La mia risposta è affermativa (ce la può fare!) ponendo però alcune condizioni.

1. La prima è quella di creare un benessere psicologico nella classe. L’alunno non soltanto a scuola impara ma “vive”. Se vive bene, se sta bene, anche l’impegno psicofisico è facilitato. A questo punto è evidente che la qualità umana e le capacità psicologica dell’insegnante nell’aiutare a superare i momenti di difficoltà dell’alunno e della classe sono fondamentali. Particolare attenzione va data alla qualità dei rapporti fra gli alunni nella delicata fase preadolescenziale.

2. Diventa necessario superare la lezione frontale. Questo può essere realizzato con varie forme di approccio didattico e pedagogico. Noi adulti, ben più allenati, sappiamo quant’è faticoso e difficile stare solo ad ascoltare (e talvolta “sopportare”) per tempi lunghi.

3. Nel passato si è ampiamente dibattuto quanto possa aiutare il lavoro di gruppo, ma non soltanto ad esempio per le cosiddette “ricerche collettive” da fare a casa. Puntare al lavoro di gruppo, tuttavia, richiede una grandissima progettualità.


SITO INDIPENDENTE sponsorizzato da "Didatec"   

© Didatec di Urbani Francesco - Via Galvani, 33 - 36078 Vladagno (VI) P.I. 03601840246

Cerca

Esercizi

Job Scuola, propone in via sperimentale una serie di esercizi GRATUITI di Matematica per la Scuola Elementare e Invalsi (già attivi) e per la Scuola Media (in costruzione).

Gli esercizi di matematica vengono proposti come ripasso ed esercitazione per migliorare la velocità di elaborazione, come ripasso prima del ritorno a scuola e per il recupero scolastico.

Se trovate qualche errore Vi saremo molto grati per una segnalazione; scrivete qui; grazie.

SPONSOR

Tecnologie per la didattica.

 

RSS
SITO INDIPENDENTE sposorizzato da "Didatec"  Internet provider